SCHIACCIATA AL ROSMARINO

Velocissima e buonissima la schiacciata al rosmarino…ottima al posto del pane o anche come aperitivo

12795269_649427641861882_6259061998521398228_n

Schiacciata al rosmarino

Ingredienti:
150 gr. di farina 00
60 gr. olio extravergine di oliva
60 gr. di acqua
½ cucchiaino di sale fino
Sale grosso e rosmarino (q.b.)

Procedimento:
Unite insieme tra loro la farina il sale fine, l’olio extravergine, l’acqua e il rosmarino precedentemente lavato, asciugato e sminuzzato a vostro piacimento. Formate un impasto omogeneo e avvolgetelo nella pellicola trasparente e lasciatelo riposare per una ventina di minuti in frigorifero.
Una volta trascorso il tempo necessario, riprendete l’impasto e con l’aiuto di un mattarello stendetelo tra due fogli di carta forno fino ad ottenere un’altezza non superiore ai 2/3 mm togliete il foglio superiore di carta forno e aggiungete del sale grosso sparso sulla superficie.
Ora mantenendo il foglio sottostante di carta forno infornate a 200° per circa 10/15 minuti.
Lasciate raffreddare la schiacciata e spezzatela in varie grandezze. Potete servirla come stuzzichino per un aperitivo o mangiarla al posto del pane durante i vostri pasti.

About Miriam

Mi chiamo Miriam. Milanese di nascita e romana d’adozione. Solare e fantasiosa amo la creatività a 360 gradi in ogni sua forma e natura; adoro cucinare e decorare. Appassionata da sempre anche di fotografia, immortalo puntualmente ogni mia creazione con una foto. Coautrice del libro “Mug Cake” dove ho contribuito alla realizzazione di tutte le decorazioni edibili presenti nel libro. Le mie ricette e foto sono presenti anche nell’eBook “Dolci & Cake Design” del Corriere della Sera.

3 Responses to SCHIACCIATA AL ROSMARINO

  1. Giulia says:

    L’ho preparata ieri sera e devo dire che mi sono stupita di quanto sia facile, rapida e soprattutto Buona!!! Invito tutti a provarla, grazie Miriam!! La rifarò presto anzi prestissimo!

  2. Pingback: Stoccafisso con pomodorini e olive taggiasche in vasocottura | Cartaforno - Miriam Bonizzi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *